“La merenda dei tempi andati”

“Ta se giù de corda?” mi chiedeva mia nonna e subito si metteva a prepararmi una merenda “speciale”: La Rusumada che non era altro che lo zabaione alla brianzola, ma questa bevanda non necessita di cottura. Il nome deriva dal dialetto e rimanda al rosso d’uovo (il russ d’of, il russum).

E’ una crema dolcissima, gli ingredienti sono le uova, lo zucchero e il vino rosso. Ovviamente per i bambini al posto del vino si usa il latte. Mia nonna sbatteva gli ingredienti con un frustino ma oggi si usa la tecnologia, un frullatore e la rusumada è pronta.

Veniva usata anche come ricostituente per i malanni di stagione e per ricaricare le energie.

 

 INGREDIENTI: (per una persona)

  • un uovo
  • un cucchiaio di zucchero
  • un cucchiaio di vino Marsala secco

PREPARAZIONE:

Sbattere i tuorli con lo zucchero fino a che il composto risulti spumoso e lo zucchero si sciolga completamente. Montare a neve le chiare d’uovo e unirle ai tuorli mescolando dal basso verso l’alto per mantenere il tono spumoso della bevanda. Aggiungere a filo il vino. Servire subito accompagnando con biscotti di pasta frolla o pezzetti di pane.

BUON APPETITO!