munde

Non le solite polpette: i Mundeghini, le polpette brianzole.

Un piatto povero, come da tradizione contadina brianzola, nato dall’esigenza di smaltire gli avanzi della Domenica: arrosti, stufati, brasati e lesso che nei giorni di festa arricchivano la tavola.

All’apparenza possono sembrare polpette, ma guai a chiamarli così. E’ tradizione in Brianza mangiare i mundeghini caldi d’inverno e freddi d’estate. E’ una ricetta che non conosce stagioni e si perde nella notte dei tempi, arriva infatti da molto, molto lontano. Il termine arriva infatti deriva dall’arabo ‘al-bunduc‘e, che a loro volta insegnarono gli Spagnoli a fare le polpette.

I mundeghini per me hanno il sapore della nostalgia, il gusto semplice delle cose buone.

 

Ingredienti:mondehini

  • 200 gr. di carne cotta di manzo o vitello (arrosto o lesso)
  • 300 gr di patate lesse (o anche di più se piace)
  • 100 gr. di formaggio grana grattugiato
  • 40 gr. di burro
  • 2 uova (piccole o 1 grande)
  • 1 cucchiaio di pangrattato + quello necessario per impanare
  • noce moscata (facoltativa, ma consigliata)
  • sale
  • pepe (facoltativo)

 

Preparazione:

Passare la carne al tritacarne e le patate con il passaverdura, mettere tutto in una capace terrina, mischiare il tutto, aggiungere le uova, il formaggio grattugiato, il burro fuso (nocciola), un cucchiaio di pangrattato, una grattata di noce moscata. Mescolare bene, regolare di sale. Data la variabilità degli ingredienti è importante ottenere un composto consistente , non troppo appiccicoso, ma non duro. Di conseguenza se il composto è troppo asciutto si può aggiungere un pochino di latte, se troppo molle un po’ più di pangrattato. Friggere rigorosamente nel burro in una padella antiaderente e poi posare su carta assorbente.

 

Buon appetito!